La Direttiva 2012/27/UE del 25 ottobre 2012 impone agli Stati membri di conseguire un obiettivo nazionale indicativo globale di risparmio energetico pari al 9% , mediante servizi energetici e altre misure di miglioramento dell’efficienza energetica. In particolare la direttiva impone l’adozione di contatori individuali per misurare il consumo di calore e di acqua calda per ciascuna unità immobiliare facente parte di un condominio o di un edificio polifunzionale servito da un impianto termico centralizzato o da teleriscaldamento. Non solo, l’Unione Europea ha lasciato la possibilità di introdurre regole trasparenti sulla ripartizione dei costi connessi al consumo di calore per i locali a uso collettivo e per le unità immobiliari e/o di acqua calda per il fabbisogno domestico. Ciò significa che dal momento che la direttiva fissa i requisiti minimi, gli Stati membri possono introdurre misure più rigorose.

La prestazione professionale è costituita dalle seguenti fasi:

Diagnosi energetica

Diagnosi energetica del sistema edificio-impianti per la determinazione dei fabbisogni di energia termica utile per ogni singola unità immobiliare, costituita dai seguenti contenuti: 

Acquisizione presso l’amministratore delle informazioni e dei dati utili alla caratterizzazione energetica del sistema edificio-impianto, nonché degli elaborati esistenti, ove disponibili. Acquisizione dei dati storici di consumo per il riscaldamento relativo ad un numero di stagioni di esercizio non inferiore ai 3. 

 

Rilievo delle caratteristiche dell’involucro edilizio e stima delle stratigrafie; conferma dell’eventuale documentazione acquisita e, in caso di incertezze, eventuali verifiche strumentali (a carico del condominio), se economicamente giustificabili. 

 

Rilievo delle caratteristiche degli impianti (schemi funzionali, caratteristiche delle apparecchiature e dei componenti utili all’esecuzione dei calcoli energetici), conferma dell’eventuale documentazione acquisita ed effettuazione di eventuali verifiche strumentali (a carico del condominio), se economicamente giustificabili, in caso di incertezze.

Calcolo dei fabbisogni energetici e tabelle di prospetto

 

Elaborazione di calcolo dei fabbisogni energetici del sistema edificio-impianto e sua validazione con riferimento ai consumi storici, per singola unità immobiliare, secondo la norma UNI/TS 11300 parti 1 e 2.  Prospetto previsionale della ripartizione delle spese secondo la norma UNI 10200:2015.  Tabella millesimale della ripartizione delle spese secondo la norma UNI 10200:2015.

CONTABILIZZAZIONE VALORE ENERGETICO